top of page
  • Immagine del redattoreProduzione Webidoo

Quali lenti scegliere per i propri occhiali? Tipologie e caratteristiche


Ottenere il massimo dalla propria vista, e soprattutto prendersene cura con una giusta salvaguardia, è molto importante. Competenze tecniche e innovazione raggiunte oggi dalle case produttrici di occhiali sono di altissimo livello, e offrono una vasta personalizzazione adatta ad ogni tipo di esigenza.

La frenesia della vita quotidiana ci mette sempre di più alla prova, del resto. E, che si tratti di sport, di lavoro o di tempo libero, è doveroso “vederci bene”.

Vediamo quindi, quali lenti scegliere per i propri occhiali.


Protezione dalla luce blu

Tra le più richieste, le lenti per la luce blu soddisfano le esigenze di molte persone. Oggi siamo tutti esposti alla luce artificiale prodotta da computer e cellulari, o a quella naturale del sole. E, anche se la cosiddetta “luce blu” può essere d’aiuto contro la depressione invernale, rappresenta un potenziale danno per i nostri occhi. Ecco dunque che entrano in gioco le lenti con filtro per la luce blu. Grazie ad uno schermo protettivo, rappresentano un grande aiuto contro affaticamento della vista, mal di testa, o secchezza dell’occhio. Tutti sintomi,per l’appunto, della lunga esposizione alla luce blu.


Lenti multifocali per over 40

Superati i 40 anni è molto probabile che i nostri occhi inizino a soffrire di presbiopia (la difficoltà a distinguere da vicino oggetti o scritte). Questo succede perché, col passare degli anni, il cristallino (lente naturale dell’occhio) perde di flessibilità.

La soluzione più semplice per correggere questa mancanza visiva è utilizzare delle lenti monofocali, ovvero con un’unica graduazione su tutta la lente. Un’opzione che però comporta un piccolo problema: alzando lo sguardo per guardare un oggetto a media o lunga distanza, lo vedremo sfocato. Come risolvere il problema? Con le lenti multifocali o progressive.

Altamente personalizzabili, le lenti multifocali possono avere due o più gradazioni diverse per ogni zona della lente stessa. Questo significa che la parte bassa della lente sarà corretta per vedere da vicino, la parte centrale per la media distanza e la parte alta per la lunga distanza. Con le lenti progressive o multifocali sarà quindi possibile non togliere, e non cambiare gli occhiali, a prescindere dalla situazione.

Alcune persone, iniziando a portare questo tipo di lente, possono soffrire di alcuni disturbi come il mal di testa, la mancata percezione della profondità, disagio nello scendere le scale oppure nausea. Ma si tratta di disturbi temporanei.

Quando si trascorre molto tempo all’aria aperta

Se per lavoro o per il tempo libero passi molto tempo all’aria aperta avrai bisogno di occhiali che, oltre a correggere la vista, siano anche pratici e confortevoli.

Se svolgi un lavoro dove passi spesso dall’esterno all’interno e viceversa, le lenti a scurimento automatico fanno al caso tuo. Queste lenti si adattano velocemente al cambio improvviso di luminosità scurendosi o schiarendosi a seconda dell’intensità di luce, garantendo così una visione confortevole.


Occhiali da sole

Spesso non viene data alla scelta degli occhiali da sole la giusta importanza. È doveroso sapere che gli occhiali da sole non servono solamente a ridurre il disturbo dato dalla forte luce solare, ma anche (e soprattutto) a proteggere i nostri occhi dai raggi UVA e UVB.

La lunga esposizione ai raggi UV potrebbe provocare diversi problemi ai nostri occhi, come malattie della retina, disturbi della vista, cancro e cecità. È quindi molto importante, al momento dell’acquisto, optare per una lente da sole con protezione dai raggi UV del 100%.

Se passi parecchio tempo alla guida, o pratichi sport acquatici, ti consigliamo di scegliere le lenti da sole polarizzate. Questa tecnologia applicata alle lenti permette di ridurre l’abbagliamento e migliorare il contrasto.

3 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page